Crea sito

Generali

Suonando e dando abbracci gratis a Helsinki

Suonando e dando abbracci gratis a Helsinki

*Atteggiamento e carattere

“Keep calm and call logistic” [mantieni la calma e chiama gli esperti] era lo slogan sulla felpa di Fabrizio, uno degli occupanti più “anziani” e interessanti di Casematte, il centrosociale di L’Aquila che visitai in Maggio.
Penso sia uno dei consigli più utili e significativi che possa dare dalle mie esperienze. In ogni situazione, in ogni contesto, qualsiasi cosa accada, rimanere calmi; rilassati e confidare che sempre e comunque, tutto si risolve come deve risolversi. L’autostoppista argentino, “acrobata del camino” dice, “tutto accade per un motivo, l’universo si prende cura di te”, e sempre, nelle più svariate situazioni (eg aspettando sei ore in basilicata sulla statale sinnica), quando si comincia a imprecare, sbuffare e insultare, si capisce che tutto ha un senso; e più ci si arrabbia e innervosisce meno le cose volgono in nostro vantaggio. Meno si resta lucidi, meno si ascolta quello che gli altri ci vogliono dire e meno ci si fida delle gentilezze che ci vengono offerte. E’ invece sorridendo e accettando ogni singolo fatto del destino che si comincia a trarre profitto da ogni singola azione, ogni singolo avvenimento e ogni singola “sventura”. Tutto diventa una “lezione di vita” e ogni giorno si impara qualcosa di diverso da qualcuno di diverso.

Pure joy reachıng Alamut Hasan Sabah castle

Pure joy reachıng Alamut Hasan Sabah castle

size-medium wp-image-32″ />Più di una volta mi sono sentito dire, “ci vuole coraggio”, “che stima, invidia” ecc ecc. In realtà è vero, coraggio ce ne vuole, la prima settimana, dopo, il tutto diventa talmente normale e facile che non c’è davvero quasi più nulla che spaventa. Si imparano a riconoscere i rischi, i pericoli, le situazioni e condizioni da evitare come quelle da affrontare senza problemi; le persone di cui fidarsi e quelle in cui inspirare fiducia; tutto diventa sempre più spontaneo e facile giorno dopo giorno.
Tenacia, quella sì ce ne vuole, spesso e parecchia. Non tanto per le condizioni materiali, anche quelle si superano e imparano facilmente a superare; quanto piuttosto per quelle mentali. Fronteggiare da soli le proprie paure, i propri sentimenti, le proprie emozioni e sensazioni è il compito più arduo da affrontare in viaggio da soli. Il viaggio ti dà una serie di stimoli, visivi, sonori emotivi e sensoriali, una serie di novità che l’abitudine normalmente assopisce. Vivendo tutti i giorni nello stesso posto, frequentando bene o male le stesse persone e facendo le stesse cose, parlando la stessa lingua, vedendo le stesse abitudini, ecc ecc ecc il cervello riceve tutta una serie di stimoli in meno, diventa più pigro e si adagia facilmente.

*Scocciature e raggiri

I due simpaticoni che avevano tentato di rapinarmi. Dopo aver fatto pace, per una foto ricordo si nascondono le facce dalla vergogna e dalla paura

I due simpaticoni che avevano tentato di rapinarmi. Dopo aver fatto pace, per una foto ricordo si nascondono le facce dalla vergogna e dalla paura


Dappertutto ma ovviamente in maniera crescente nei contesti, culture e società più diversi; il turista quanto altrettanto il viaggiatore o il vagabondo sono oggetto di attenzioni, normalmente in due direzioni diverse.

* In Europa, soprattutto meridionale (ita esp pt grecia) la paura è impressionante, mista a schifo e disprezzo ma rimane comunque l’elemento predominante. La gente ti guarda con stupore, sospetto, pensa tu abbia cattive intenzioni e cerca di starti lontano il più possibile. Non si può generalizzare, spessissimo mi è capitato di essere oggetto di stupore e ammirazione da parte di ragazzi, ragazze adulti, perfino carabinieri. Ma la maggior parte delle volte è difficile essere capiti. ovunque.
* Spostandosi dall’europa, a cominciare dai paesi arabi fino all’asia, si passa molto facilmente dall’ essere considerati un pericolo al divenire continuamente oggetto di attenzioni in quanto portafogli ambulante.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>